domenica 20 aprile 2008

Accussì voglio murì

Cosa c'e' di meglio di svegliarsi con calma una domenica mattina e trascorrere il tempo in pieno stile felino, pregustandoti il momento del pranzo?
Sei lì che poltrisci, ti stiracchi e ti lecchi i baffi perché sai che ti aspettano le leccornie preparate da un amico accompagnate dai vini scelti ad hoc dal suo socio? Una delle più gustose associazioni a delinquere.
Così, in barba a pulizie, telefonate, maschere del viso e stiraggi vari che dovresti fare approfittando della giornata (ma che giornata libera sarebbe?), te ne vai a zonzo per la città per raggiungere la casa dei tuoi amici dal citofono ignoto.
E quando arrivi finalmente a destinazione, ti godi cibo, vino e chiacchiere, assaporando con tranquillità ogni momento, senza scadenze, senza impegni, senza show.
Certo può capitare di subire uno shock quando ad un tratto i tuoi amici (coetanei) ricordano con entusiasmo cartoni animati a te sconosciuti, citandone a memoria i nomi dei personaggi secondari e le sigle in giapponese!!! Nel frattempo ti chiedi dove fossi in quel periodo e cerchi di trovare una ragione plausibile, tipo che gli alieni ti hanno rapito proprio in quel periodo o ti hanno cancellato parte della memoria, o forse a Napoli le televisioni non prendevano tutti i canali :-)
Oppure puoi scoprire strani cuscini dall'aspetto squadrato e poco invitante che ti assorbono e diventano tutt'uno con te, rendendoti ancora più difficile il tentativo di non lasciarti andare in una satolla pennica pomeridiana.
Fatto sta, che giornate così goduriose, vanno consigliate a tutti. Altro che centri commerciali, parchetti spelacchiati o fuori salone del design in cui non cammini, non comunichi, non incontri! E, come dicono dalle mie parti: Accussì voglio murì.

1 commento:

Henrik ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.